Una vita da pilota

  • Nato a: Chiari
  • Nato il: 07-04-2003
  • Residente a:Lodetto di Rovato
  • Aka: “Matador” – “MR7” – “Battigas”

Manuel si avvicina al mondo delle due ruote a 3 anni; un giorno il padre (Marco Rocca) porta a casa una minimoto cinese e lì è amore a prima vista per il nostro fantastico enfant prodige.  Per circa tre anni gira e prende confidenza con la minimoto nei parcheggi e poi, all’età di 6 anni, prova qualche gara con una minimoto Polini. A 8/9 anni vive la sua prima Stagione, debuttando nel Campionato WLB-ASI Categoria S.A.V. con una ZPF del 2006. Resta nel WLB-ASI fino al 2013, passando anche alla Junior A. Nel 2014 esordisce nel CIV Minimoto categoria Junior B col Team Pasini Racing e con loro si piazza Quarto nel Campionato nel 2015.

L’anno successivo è l’ultimo per “Battigas” nelle minimoto e chiude in bellezza, vincendo il campionato con tre gare di anticipo insieme al Team Giracing. Sempre nel 2016 vince il Trofeo Marco Simoncelli ed è vincitore della Coppa Italia. Nel 2017 passa al CIV MiniGP col Team Cristofolini Racing – a bordo di una RMU. Nel 2018 arriva il salto alla Supersport 300. Passa dal Challenge Go Eleven con la Kawasaki Ninja 400 e dopo aver vinto il campionato, come premio riceve la Wildcard del WorldSSP300 a Magny-Cours.

Il 2019 è l’anno del Trionfo da Vice Campione nell’Alpe Adria Supersport 300 e quindi anche nell’Europeo, con la Yamaha. Conquista diversi risultati nella top-5 assoluta, ma soprattutto sale molte volte sul podio. Nell’Europeo, infatti, il “Matador” italiano – come inizieranno a chiamarlo gli organizzatori – ha portato a casa due secondi posti e sei terzi posti in dodici gare e questi risultati gli hanno garantito il secondo posto finale dietro all’ungherese Maté Számadó. 

“I colori che vestirò nel 2020 – afferma Manuel –saranno l’arancio-blu del Team Terra e Moto e lo farò sfoggiando il mio nuovo nome di “battaglia” – che avete avuto modo di vedere da alcuni mesi – ovvero El Matador.”

Nel frattempo Manuel frequenta l’IPSIA, indirizzo manutenzione motori. “Mi piace molto – afferma Manuellavorare sui motori e lo faccio a scuola, ma soprattutto a casa, dove aggiusto o modifico il mio motorino. Mi alleno molto, come tutti i piloti, e faccio soprattutto palestra, downhill e pitbike. Ovviamente seguo anche una dieta specifica, anche se qualche volta sgarro.